L’Arcidiocesi di Vercelli sulla tragedia di Biandrate: «Non si anteponga mai l’interesse economico al bene primario della vita»

L’Arcidiocesi di Vercelli, tramite l’Ufficio per la Pastorale Sociale e del Lavoro, interviene con una nota sul tragico episodio accaduto a Biandrate.

«L’Arcidiocesi di Vercelli partecipa con profonda solidarietà al dolore della famiglia e dei colleghi di lavoro di Adil Belakhdim, tragicamente investito nei pressi di Biandrate mentre esercitava il proprio legittimo diritto di espressione sindacale. In attesa che gli organi competenti facciano piena luce sulla vicenda, è vicina al mondo del lavoro, in tutte le sue componenti ed espressioni, e rivendica il diritto alla vita, dal concepimento al suo termine naturale, come valore primario della persona umana, a cui nulla deve essere anteposto.

La diocesi auspica altresì, alla luce dei recenti fatti di cronaca, che considerazioni di natura meramente economica non vengano mai anteposte al bene primario della vita e della sicurezza dei lavoratori.

Il cordoglio della Chiesa diocesana va anche alla Comunità Islamica, di cui Adil Belakhdim era membro».