Arriva la conferma, nuova ordinanza regionale in Piemonte

Come anticipato oggi pomeriggio, didattica a distanza al 100% nelle scuole superiori e carico dei mezzi pubblici al 50%. Il provvedimento, a partire da lunedì 2, sarà valido fino al 24 novembre

Alberto Cirio

Come anticipato nel nostro precedente articolo (clicca qui), è stata appena firmata dal presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, una nuova ordinanza che sarà in vigore da lunedì 2 novembre su tutto il territorio regionale.

Nelle scuole superiori l’attività didattica in presenza è sospesa e sostituita dalla didattica digitale a distanza per tutte le classi del ciclo di istruzione, fatte salve le attività curriculari di laboratorio previste dai rispettivi ordinamenti didattici e la frequenza in presenza degli alunni con bisogni educativi speciali.

Sempre da lunedì prossimo per il trasporto pubblico di linea urbano, extraurbano e ferroviario di competenza della Regione Piemonte è consentito un coefficiente di riempimento non superiore al 50% dei posti previsti dalla carta di circolazione del singolo mezzo, con utilizzo prioritario dei posti seduti, demandando, per il trasporto di linea urbano, agli organi competenti – entro il 4 novembre 2020 – l’introduzione di servizi aggiuntivi a carico della Regione Piemonte, laddove in base ai dati riscontrati emergano particolari esigenze.

«Non possiamo ignorare che gli assembramenti e le criticità più grandi si stanno riscontrando sui mezzi pubblici con l’enorme rischio che questo comporta – sottolinea il presidente Cirio – Non vogliamo un lockdown per il Piemonte e per questo dobbiamo intervenire con misure mirate, per rispetto dello sforzo e dei sacrifici che i nostri imprenditori e ogni singolo cittadino piemontese stanno facendo ormai da mesi, ma anche e soprattutto per tutelare i nostri figli, i nostri nonni e con loro tutti gli affetti più cari».

L’ordinanza sarà valida fino al 24 novembre 2020.

18 Commenti su Arriva la conferma, nuova ordinanza regionale in Piemonte

  1. Governatore Cirio , noi l’abbiamo votato ma se andremo incontro a un’altra chiusura totale non andrò più a votare la chiusura totale mi ha devastata dovremmo chiedere i danni

    • Cristina Bortolotti // Novembre 1, 2020 a 6:11 pm //

      Buona sera, caro Cirio gentile ma bisogna chiudere anche le aktre scuole non solo le superiori perché i nostri figli rischiano ogni giorno, sismmalano perché le finestre stanno aperte, nonaccetano i ragazzi con un pofi raffreddore e in piu rischiamo con questa pandemia….. No non è possibile chiudete!!!!!!!

  2. Dia istruzioni anche agli istituti professionali, non è giusto che li lasci soli, non ha dato istruzioni sulla chiusura, allora rimangono aperti a disposizione del Covid?

  3. Amico, quando ti ritrovi in terapia intensiva tu o i tuoi famigliari allora non potrai votare per nessuno, oppure non potrai lavorare più perché potresti essere defunto ok? lo volete capire che siamo in espandemia e dobbiamo stare a casa?

  4. sonia campo // Novembre 1, 2020 a 5:18 pm //

    Caro Presidente, riapra gli ospedali dismessi, le cliniche. Asti la ex maternità è ancora accettabile e può essere facilmente riorganizzabile.

  5. Sapete perfettamente che chiudere di nuovo i negozi sarà una vera strage, economica ed emotiva. Siamo devastati da scelte dissennate e punitive. Moriremo e non certo di Covid! Confinate gli over 70 e i fragili. Noi abbiamo diritto al lavoro e alla vita. I giovani in primis, trattati come untori a cui è stato tolto tutto. Non reggeremo e sarà il caos….Si direbbe che sia ciò che cercate

  6. Ma è possibile che ci bombardino di notizie sul covid più ore al giorno????
    Non sarebbe il caso di attendere 2 o più giorni per
    Verificare la Reale situazione , invece di sressare la popolazione su ogni Tg. Ogni conversazione ????
    Un po’ di serietà per favore , ma non quella dei politici Brezzolati e CORROTTI

  7. Ma è possibile che ci bombardino di notizie sul covid più ore al giorno????
    Non sarebbe il caso di attendere 2 o più giorni per
    Verificare la Reale situazione , invece di sressare la popolazione su ogni Tg. Ogni conversazione ????
    Un po’ di serietà per favore , ma non quella dei politici Brezzolati e CORROTTI

  8. Sapete solo parlare di chiusura. Perfino gli studenti chiedono a gran voce di avere le lezioni in presenza. Ma d’altra parte, chiudere è la cosa più semplice e veloce. Che delusione siete!!!!!

  9. Il grande inganno continua

  10. Piera Gioana // Novembre 1, 2020 a 8:15 pm //

    Buinasera Concordo pienamente la sua decisione. Vanno però supportate in modo SIGNIFICATIVO tutte le piccole medie aziende su cui si abbatterà quezta mannaia, il più delle volte fatale per tutte le categorie sia di impresa che dei lavoratori dipendenti. Cordialità.

  11. Una nonna preoccupata // Novembre 1, 2020 a 10:19 pm //

    Bravissimi!!!! A chi importa se i nostri ragazzi sono obbligati a rimanere chiusi in casa soli davanti ad un pc sei ore al giorno, è facile chiudere l’unica cosa che dovrebbe rimanere aperta….certo incrementare il trasporto pubblico è troppo impegnativo….state distruggendo un’intera generazione, complimenti

  12. Caro presidente non l’ ho votata perché non la conoscevo abbastanza ma la ringrazio per quello che sta facendo. Ho 77 anni e vivo sola, spero di poter uscire per la spesa una volta alla settimana qui intorno a Madonna di Campagna abbiamo piccoli negozi. Ancora grazie

  13. Vittorina Fantato // Novembre 2, 2020 a 9:48 am //

    Incrementare i mezzi pubblici treni regionali doveva essere una priorità, da fare all’apertura delle scuole. Si sarebbero evitati tanti contagi e anche forse la didattica a distanza che mette in crisi ragazzi e famiglie.

  14. Spero che tutta la gente si renda conto, facendo un minimo sforzo di ragionamento, che ci troviamo in una difficile situazione dove la collaborazione è necessaria: le regole vanno rispettate, la mascherina è fondamentale e anche l’igiene, il virus rimarrà ancora per molto tempo e, la storia insegna, solo una vaccinazione di massa potrebbe salvare (vedi vaiolo). Documentarsi è importante, l’ignoranza è deleteria; virus e batteri non spariscono per magia: permangono, ci si può convivere ma con una ricerca scientifica di livello che sappia arrivare a soluzioni ottimali.

  15. La scuolea dell’infanzia e primaria non vengono chiuse. È assurdo! Tantissimi docenti , purtroppo sono stati contagiati dal virus e molti bambini risultano positivi. Il nostro governo deve aiutare i genitori che lavorano con sovvenzioni adeguate a mantenere la propria famiglia. La chiusura totale delle scuole è prioritaria, molti docenti hanno età a rischio che varia dai 50 ai 65 . Ci obbligano ad utilizzare mascherine chirurgiche e visiera dicendo che tali ausili proteggano la nostra salute ma non è così. Non eseguono più tamponi e non chiudono le sezioni dove si rilevano casi covid tutto per non dover più pagare il bonus beby sitter. Vergogna!

  16. Non ho parola…….

  17. Perfettamente d’accordo e se posso estendederei alla didattica anche le medie inferiori

I commenti sono bloccati.