Conte: «Chiudono negozi, bar, pub, ristoranti. Aperti solo alimentari e farmacie»

Il provvedimento, invocato dalla Regione Lombardia, è esteso a tutto il territorio italiano. Arcuri commissario delegato

Giuseppe Conte

Il premier Giuseppe Conte ha annunciato questa sera la chiusura di tutti i negozi, a eccezione di farmacie e alimentari. In attesa della pubblicazione del testo ufficiale registriamo le sue parole: «Ora disponiamo anche la chiusura di tutte le attività commerciali, di vendita al dettaglio, ad eccezione di quelle dei beni di prima necessità e delle farmacie. Chiudiamo i negozi ma non è necessario fare nessuna corsa per acquistare il cibo: i negozi di alimentari restano aperti».

Il provvedimento, invocato dalla Regione Lombardia, è stata dunque estesa a tutta Italia.

«Chiudiamo negozi, bar, pub, ristoranti – ha specificato Conte – Resta consentita la consegna a domicilio. Chiudono parrucchieri, centri estetici e servizi di mensa. Restano garantiti i trasporti e i servizi di pubblica utilità». Le fabbriche resteranno aperte ma purché adottino tutte le misure di contenimento previste nei decreti precedenti.

Domenico Arcuri sarà il nuovo commissario delegato per rafforzare la distribuzione di strumenti sanitari. Potrà impiantare nuovi stabilimenti.