Trino e Vercelli: due persone denunciate dai carabinieri

Due tentativi di furto sventati dai militari dell'arma nel corso degli ultimi giorni

I Carabinieri della Stazione di Trino hanno deferito in stato di libertà H.K., 23enne di origine marocchina, gravato da vicende penali per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti, perché ritenuto responsabile di furto aggravato e tentato furto aggravato.

L’episodio risale alla metà del gennaio scorso, quando il 23enne, nel cuore della notte, ha individuato l’obiettivo da colpire: la gettoniera dell’autolavaggio all’ingresso del paese. Pertanto, il giovane ha rubato un badile da un vicino distributore di carburanti, attrezzo di fortuna ma ritenuto idoneo al perseguimento del suo fine, ed ha cercato di aprire la gettoniera per impossessarsi del denaro contenuto. Nonostante gli sforzi compiuti, il tentativo di far leva sullo sportello ed i ripetuti colpi inferti alla gettoniera non hanno sortito l’effetto sperato, il contenitore del denaro non si è aperto ed ha stoicamente resistito all’attacco, dimostrando un’eccellente solidità e costringendo il 23enne ad abbandonare il suo proposito furtivo.

Ricevuta la notizia, i Carabinieri di Trino hanno avviato le indagini, raccogliendo testimonianze ed effettuando un immediato sopralluogo nel corso del quale è stato rinvenuto il badile abbandonato, immediatamente restituito al legittimo proprietario. I sospetti dei militari sull’identità dell’autore dell’episodio sono poi stati pienamente confermati dalla visione dei fotogrammi estratti da alcuni sistemi di videosorveglianza, che hanno restituito il risultato ipotizzato. Il 23enne, infine, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria vercellese sia per il furto del badile, sia per il tentativo di furto del denaro e del danneggiamento della gettoniera.

I Carabinieri della Stazione di Vercelli hanno invece deferito in stato di libertà R.A., 46enne, perché ritenuto responsabile di furto con destrezza.

L’episodio risale al pomeriggio del 24 gennaio scorso ed è avvenuto all’interno di un bar-tabaccheria di corso Libertà. Nella circostanza, il 46enne è entrato nel locale mentre era presente un 24enne che, appoggiato ad un angolo del bancone, sorseggiava una bibita tentando la fortuna con alcuni “gratta e vinci” appena acquistati. L’aspirante milionario, però, troppo concentrato sui tagliandi, aveva dimenticato di riporre nella tasca il portafogli, lasciandolo sul bancone, dimenticanza che non è passata inosservata al 46enne che, colto l’attimo e l’occasione….si è fatto ladro, impossessandosene e allontanandosi rapidamente dal locale.

La vittima, tuttavia, completamente dimentica del portafoglio, si è accorta di non esserne più in possesso soltanto tempo dopo, quando stava facendo acquisti in un negozio vicino e si era trovato sprovvisto di contante e dei suoi documenti. A nulla sono servite le autonome ricerche, peraltro condotte anche nella tabaccheria dove aveva sperato di ritrovare quanto era sicuro di avere là dimenticato. I Carabinieri, raccolto il sospetto esternato dal giovane, hanno ricostruito la vicenda attraverso il racconto delle persone presenti nel locale durante la permanenza del derubato ed attraverso la visione delle telecamere di sorveglianza, riuscendo a identificare il responsabile. L’uomo, infine, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per furto.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.