Cinque ragazzi sorpresi a rubare in una cantina

Si tratta di due maggiorenni e tre minorenni

L'ingresso della Questura di Vercelli

Lo scorso giovedì notte la Polizia di Stato di Vercelli ha arrestato quattro uomini e denunciato un quinto per il reato di furto aggravato. Nello specifico, un agente della Squadra Volante, libero dal servizio, ha contattato la sala operativa della Questura riferendo di aver “intercettato” cinque ragazzi che poco prima avevano asportato alcuni oggetti dalla cantina di un’abitazione.

Immediatamente sul posto sono intervenuti due equipaggi che, nonostante i giovani si fossero nascosti tra alcune auto in sosta cercando altresì di disfarsi della merce rubate, sono riusciti a fermare gli individui. Sottoposti a perquisizione, su uno di loro è stata rinvenuta una chiave rivelatasi, successivamente, quella utilizzata per l’apertura del cancello del cortile all’interno del quale è ubicata la cantina.

Nell’attività di indagine dei poliziotti è stato pure acquisito un filmato in cui si è potuto osservare due giovani intenti ad aprire il cancello del cortile per poi, una volta riusciti in tale intento, essere seguiti da altri tre ragazzi. Poco dopo gli stessi tre giovani uscivano con degli oggetti in mano.

Accompagnati in Questura, sono stati identificati tutti i cinque soggetti, di cui 2 maggiorenni e 3 minorenni, tutti italiani. Quattro di loro hanno già numerosi precedenti penali per reati di violenza e contro il patrimonio. Intanto gli agenti della Questura hanno provveduto a recuperare la merce asportata (uno stereo, alcuni televisori e lettori dvd) del valore di circa 1.000 euro e restituirla al legittimo proprietario.

Per due maggiorenni e due minorenni è scattato l’arresto in flagranza per il reato di furto aggravato, con l’accompagnamento rispettivamente alla casa circondariale di Vercelli e all’istituto penale per minorenni di Torino in attesa dell’Udienza di convalida. Il terzo minorenne, invece, è stato denunciato a piede libero per il reato di furto aggravato.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.