Rubavano prodotti di valore nei negozi: un fermo e due denunce

I tre, di origine mongola e cinese, occultavano la merce in una intercapedine dell’automobile

Nel mattinata del 12 maggio la Polizia di Stato, nello specifico gli agenti della Squadra Volante della Questura di Vercelli, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria un uomo e denunciato a piede libero altri due soggetti per ricettazione.

In particolare, gli agenti si sono insospettiti alla vista di un’autovettura, intercettata durante la normale attività di controllo del territorio, avente targa francese con a bordo tre soggetti dai tratti orientali.

Fermata la macchina, e dato l’atteggiamento nervoso dei tre, gli occupanti venivano accompagnati in Questura per accertamenti; in un primo momento, oltre all’identificazione dei soggetti, due uomini ed una donna di nazionalità mongola e cinese, tutto sembrava nella norma ma, grazie al fiuto investigativo degli agenti, dopo un più approfondito esame della macchina, veniva trovata un’intercapedine ricavata tra il bagagliaio e i sedili posteriori nella quale erano stati occultati profumi di marche particolarmente famose, ancora nuovi, oltre ad altri prodotti di cosmetica per un valore di alcune migliaia di euro.

Veniva inoltre ritrovata una “busta schermata”, ricoperta di alluminio, nella quale i malviventi presumibilmente nascondevano la merce appena sottratta dai negozi al fine di eludere le barriere antitaccheggio poste all’uscita degli esercizi commerciali.

Quando gli agenti chiedevano ai tre la provenienza della merce, gli stessi non erano in grado di esibire gli scontrini di acquisto, ne di dichiararne la provenienza e quindi, data la mancanza di un domicilio in Italia (poiché gli stessi risultano residenti in Francia), si procedeva al fermo di polizia giudiziaria di uno dei tre, poi convalidato, tra l’altro irregolare sul territorio nazionale, a carico del quale già emergevano precedenti penali per reati contro il patrimonio.

Per gli altri due si procedeva alla denuncia in stato di libertà per il reato di ricettazione.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.