Senza pensieri, è una bella Pro

Senza pensieri, così dovrebbero stare gli Innamorati di Pro, una crasi mentale tra Rovazzi e Gomorra, oggetti di esperimenti sulla tenuta psicofisica a fronte delle preoccupazioni per un campionato durissimo in mezzo a corazzate piene di cannonieri e l’idea del siamoapostocosì. Massima fiducia nel capitanocoraggioso Alberto Gilardino, strategia, palla a terra e battaglia con uomini e munizioni, quelle che sono a disposizione. La tegola sulla testa, anzi sul ginocchio di Sangiorgi non ci voleva ma è nelle cose del calcio, trovatemi una squadra senza infortunati, anche lungodegenti. Non siamo seguiti da un gatto nero, semplicemente il calcio è questo. Da qui alla fine di agosto attendiamo di veder partire per la vacanza, l’assenza via da Vercelli, altri treni con sopra Nobile, Comi, Rosso, Schiavon, Crescenzi, Max Gatto. Tetto massimo d’ingaggio stagionale 40mila euro, chi trova di meglio può andare. E se non trovano di meglio ? Devono restare per forza, certo è un poco difficile mutare un accordo già scritto in passato, è più onerosa una rescissione, un allungamento spalmando l’ingaggio, un’agevolazione al trasferimento con piccolo contributo ? La risposta è nelle mani di Eupalla convinta che sia comunque bene che la mano destra non sappia quel che fa la sinistra, l’elemosina deve restare segreta, ed una delle due è quella degli Innamorati. Tra l’altro la Pro è attesa dal secondo turno di Coppa Italia, ad Ascoli, marcia di avvicinamento al campionato e sapore di una serie cadetta perduta. Non arriverà nessuno, state senza pensieri, non arriverà nessuno prima di dolorose partenze. Di Franchino avevamo già scritto, non è una novità.

https://gianlucadimarzio.com/it/il-ritorno-in-c-le-nozze-e-un-agente-come-amico-questo-e-il-mio-2018-la-vibonese-ha-la-sua-dinamite-che-spettacolo-franchino

E abbiamo Alberto Gilardino in panchina questo, dopo le inquietudini iniziali per l’inesperienza, i dubbi, sembra confortarci. È una bella Pro, come dicevano in coro “è un bel direttore”, un laico apostolo di Eupalla. Tre video sottostanti.
Paolo d’Abramo